Wednesday, November 9, 2011

Sarò una Million Dollar Baby

 
Stasera vincerò la lotteria, me lo sento. Stavolta vinco e non scherzo, non lo dico tanto per dire. Ho 3 quickpicks e un presentimento: son certa, anzi certissima che vincerò, stasera tocca a me. Domani perciò siete tutti miei ospiti, offro cena e drink a tutto il quartiere, ad amici e conoscenti e perché no...anche ai miei nemici- che crepino d'invidia, quei maledetti! Una volta incassato il malloppo prima cosa che faccio, mi compro casa a NYC- basta con questi affitti succhiasangue- e poi, bella come il sole parto per un viaggio di mesi e mesi a zonzo per il pianeta. Vado a fare la zingara, mi improvviso avventuriera, zaino in spalla.. hop, hop! a spasso per il mondo me ne vado...prima tappa Shanghai, o Bankok, o il Cairo ma anche Gaza...oppure Portogruaro... mbè che c'è? è bellissima Portogruaro. In sunto (come diceva Padre Dentico, il mio professore del liceo) il punto è questo: bisogna esser convinti delle cose che si vuole. Convintissimi. Si, perché da quando son diventata buddista una cosa ho imparato: bisogna crederci fino in fondo nei propri sogni, crederci fermamente senza dubbi né incertezze, sapere che accadranno perché così si è deciso. Punto. Infatti se davvero lo desideri con tutto il cuore, i polmoni, la cassa toracica e pure gli alluci dei piedi il desiderio si esaudirà. Attenzione però, la prospettiva non deve essere quella dello "speriamo che". Speriamo che...non piova, speriamo di...rimorchiare stasera, speriamo che...mi inviti a cena. La filosofia deve essere questa: Allora cosa ordino per cena che ho una fame da lupi. Oppure: Sembra che stia per diluviare ma chissene, esco di casa senza ombrello. E ancora: Quale completino sexy mi metto per rimorchiare stasera? Meglio quello nero o quello rosso? hmm, quello nero. (Niente bianco per carità, fa educanda).
Ma torniamo al mio giro del mondo. Pensavo a questo punto, visto che sarò milionaria mi conviene prendere un jet privato, no? perché badare a spese. In fondo gli zaini son così scomodi e pesanti..e poi l'avventura è divertente finché dura poco (come il gioco, diceva mia madre). Dunque è deciso, qualche giorno di avventura e poi in sella al mio jet, party e tramezzini, champagne a fiumi e pure un diggei (diggei, non DJ). Balli, sesso, droga e rock 'n roll... infine, ubriaca e felice me ne scappo nientepopodimenoche su un'isoletta della Polinesia, servita e riverita in una suite a cinque stelle a fumare narghilè. Mi sembra un piano perfetto. E già che ci sono quando torno in città mando anche a fanculo il mio lavoro di giornalista freelance. Giornalista freelance a New York. Uau! detto così sembra quasi figo. Ma non fatevi infinocchiare, puzza di di precariato e di Co.co.co, Co.co.pro, Co.co.di.quà e Co.co.di.là. Co.co.che? Coccodè. Pensate che c'è anche gente che m'invidia.
Dico, MA SIETE PAZZI? Vita di stenti!

7 comments:

Anonymous said...

Molto divertente! Comunque, io adoro indossare i completini bianchi e mi par sortiscano il loro bell'effetto!

Olivia Poli said...

L'ho sempre sostenuto, ciò che conta è la sostanza. Il nero però mi fa più maga Circe: trasforma gli uomini in porci

x-star said...

Beh se metti Portogruaro alla pari di shangai, il cairo e bangkok mi onori...
Se vieni dimmi che ti ospito e ti faccio fare un mega tour :-)

e lo faccio anche se non hai un dollaro in tasca!!!
eheheh :-))

Olivia Poli said...

Viva Portogruaro! Allora ci sto, e appena arrivo voglio far come le donne veneto friulane, in piazza a bermi una caterva di spritz

x-star said...

hahaha assolutamente sì!!! passare tutti i locali del centro dalla betola (dove si beve vino nero - guai chiedere spritz) a quelli più di moda... è la regola!!

Così poi esporti lo spritz anche a ny!!! Che genio che sono, ho trovato un businnes

carolina said...

Se non vi sforzate, i vostri sogni resteranno soltanto pura fantasia. Lo sforzo

e il duro lavoro costruiscono un ponte tra i sogni e la realtà . Coloro che fanno

sforzi continui sono sempre pieni di speranza: quella speranza che nasce proprio

dagli sforzi continui. Abbracciate i vostri sogni e seguiteli» (D. Ikeda,

protagonisti del XXI secolo, vol. 1, pag. 20).

NAM MYOHO RENGE KYO!

olli super...con questa "spada" sarai invincibile!!!!

Martina said...

Mi mette tanta forza leggere i tuoi post.. ho scoperto da due giorni il tuo blog e lo sto passando tutto in rassegna!!
Per quanto riguarda l'intimo...quello bianco farà anche educanda, ma ad alcuini ometti piace proprio per questo ;)